Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai nell'apposita sezione.

Il Comune di Ponti

Luogo le cui origini romane, di centro dislocato lungo la "via Aemilia", sono testimoniate dalla pietra miliare (colonna Antonina) risalente al II secolo D.C conservata sotto il porticato del palazzo comunale.
La colonna è testimonianza del primo ripristino della via Julia Augusta, importante strada costruita dall'imperatore Augusto in sostituzione della suddetta via Emilia Scauri che conduceva da Roma alla Gallia.
Le origini del paese di Ponti risalgono all'epoca preromana; notizie storiche ne datano la fondazione contestualmente alla vicina Acqui Terme (Aquae Statiellae).L'area appare solcata in periodo preromano da itinerari in quota di collegamento fra la val bormida ed il mare, ma la vocazione all'attraversamento risulta marcatamente segnata da percorsi romani sostanzialmente ripresi in epoca medievale: l'Aemilia Scauri collegava Tortona (Julia Dertona) con Acqui Terme (Acquae Statielle) e Vado Ligure (Vada Sabatia) lungo la valle del Bormida di Spigno.
Il borgo di Ponti nel periodo medievale è caratterizzato dalla dominazione dei Marchesi Del Carretto, successivamente affiancati dai Conti Guerrieri, nobile famiglia mantovana che aveva acquistato alcune terre in questo paese. Testimonianza della famiglia dei Del Carretto sono le pietre raffiguranti lo stemma gentilizio sui muri di molte case ed i ruderi del castello ove dimorarono, situato sulla collina che domina Ponti.
Nei pressi del castello si ergono il campanile dell'antica parrocchia (sec. X-XI) ed un vecchio torrione difensivo denominato "la battagliera", complesso tutt'ora in fase di restauro.

Feste e sagre:

La 1° Domenica di marzo: Il Polentone
Il personaggio protagonista della nascita del Polentone di Ponti risale ad epoca meno remota (seconda metà del XVI sec.), tal Cristoforo del Carretto; le notizie storiche lo dipingono degno dei suoi predecessori, noto per la sua ospitalità, cortesia e carità.
Per tali motivi, un gruppo di calderai provenienti da Dipignano, paese del Cosentino, nel 1571 arrivarono a Ponti; giunti al cospetto del nobile Marchese chiesero lui ospitalità e cibo offrendo in cambio la loro abilità nella riparazione delle vettovaglie.
Fu così che il Marchese diede loro un enorme paiolo promettendo di colmarlo di farina qualora fossero riusciti a ripararlo; riusciti nell'opera al nobile Cristoforo del Carretto non restò che mantenere fede alla parola data, facendo consegnare loro una abbondante quantità di farina da polenta.

Le strutture locali coinvolte nel progetto:

Agriturismo Punto Verde, Reg, Cravarezza n° 74, Ponti www.puntoverdeponti.it
Struttura ricettiva e di ristorazione operante nelle vicinanze dell'itinerario particolarmente sensibile ai temi escursionistici e aperta nei rapporti con le altre strutture turistiche al fine della creazione di un sistema turistico efficiente.

Chi è Online 

Abbiamo 11 visitatori e nessun utente online

In collaborazione con: 

reteeuroparegione

Sentieri di Langa è il nuovo sito dedicato all'"Itinerario delle chiese campestri e dei calanchi", costituito dall'unione di due itinerari: il 571 "delle Chiese Campestri" e il 573 "dei Calanchi" e la diramazione su Castelletto d'Erro 576.

logo

Comune di Ponti
Piazza XX Settembre, 1
Ponti (AL) 15010
Tel: +39 0144 596142
comuneponti.al@libero.it
#fc3424 #5835a1 #1975f2 #2fc86b #fbodc9 #eef11202 #081113180658